In offerta!

Kit Riparazione Carbonio

60.00 55.00

KIT PER LA RIPARAZIONE DEL CARBONIO 

AUTO – MOTO – BICI – COMPONENTI VARI

CON ISTRUZIONI DETTAGLIATE 

Il kit contiene:

500 g di resina, 125 g d’induritore, 0,50 m² di tessuto in fibra di carbonio, bicchierino per la miscelazione resina + induritore,

pennello, guanti protettivi e manuale applicativo.

destinato all’impregnazione di tessuti in fibra di carbonio per lavori di rivestimento e laminazione,

quali particolari per carrozzeria e costruzioni aeronautiche.

 

Name Range Discount
sconto cumulativo 2 - 5 5 %
sconto cumulativo 6 - 10 10 %
sconto cumulativo 11 - 999 20 %

Descrizione

CONSIGLI PRATICI PER IL CORRETTO UTILIZZO DEL Kit Riparazione Carbonio:

RESINA EPOSSIDICA

  1.  Mescolare accuratamente la componente A (resina) in quanto alcuni suoi costituenti tendono a precipitare sul fondo. Per una migliore omogeneizzazione, si consiglia di riscaldare il prodotto fino a 35-40 °C e attenderne il raffreddamento sino a temperatura ambiente (23 °C) prima di utilizzarlo
  2.  Munirsi di bilancia di precisione e, utilizzando il bicchiere in dotazione, pesare in successione resina e induritore .
  3. Mescolare la miscela resina-induritore con molta cura e attenzione (non meno di 1 minuto). Si consiglia di utilizzare una spatola a bordi sottili per riprendere i possibili componenti che si depositano sui margini inferiori del bicchiere
  4. La temperatura ottimale di applicazione della miscela spazia tra i 20 e 25 °C. Una temperatura di 10 °C superiore, dimezza il pot-life e raddoppia la reattività
  5. Si consiglia di evitare di lavorare elevate quantità di resina (> 100 g) in presenza di temperature ambientali elevate (pot-life inferiore ai 40 minuti). La reazione che si sprigiona con la miscelazione di resina e induritore è fortemente esotermica e può portare il composto a raggiungere temperature prossime ai 200 °C, di  conseguenza bruciare e liberare grosse quantità di fumo.
    È inoltre importante considerare il livello di umidità relativa presente nell’aria. Durante la lavorazione delcomposto, questa non dovrebbe eccedere il 70%, pena l’accelerazione della reazione.

Nota: rispettare attentamente il rapporto di miscelazione tra resina e induritore (4:1).  Una tolleranza superiore al 2% in peso potrebbe causare la perdita delle caratteristiche del prodotto e renderlo inadeguato al suo utilizzo (esempio: 100 g di resina tollerano dai 23 ai 27 g di induritore). Aumentare o diminuire la dose di induritore rispetto quanto specificato non porta ad alcun beneficio in termini di tempo di reazione.

CONDIZIONI DI STOCCAGGIO E DI UTILIZZO
– Si risponde della qualità del prodotto fino a 12 mesi dalla data di spedizione, purché lo stesso sia conservato al riparo della luce diretta del sole, in confezioni originali ben chiuse, in luogo asciutto e ad una temperatura compresa tra 20 °C e 25 °C. Resina e induritore possono cristallizzare a temperature inferiori i 15 °C. Per poterli riutilizzare, è necessario riscaldare a bagnomaria i composti fino una temperatura di 55-60 °C

– Durante le fasi di preparazione e applicazione della miscela, utilizzare i guanti in dotazione
– In ogni caso manipolare i componenti del kit con estrema cura tenendoli fuori dalla portata dei bambini

 

PRINCIPALI TECNICHE DI LAVORAZIONE DEL TESSUTO IN FIBRA DI CARBONIO

RIVESTIMENTO
Rivestire una parte in fibra di carbonio migliora sicuramente l’aspetto estetico e porta ad un aumento della sua resistenza meccanica.

L’operazione di rivestimento è consigliata per le seguenti superfici:
· Modanature interne in plastica e finiture
· Particolari esterni in plastica (specchietti retrovisori esterni, modanature e inserti paraurti, parafanghi di moto, parti di carene, ecc.)
· Parti metalliche di copertura (pannelli, ecc.)
· Superfici di legno

Fase 1. Preparazione della superficie
· Porre l’oggetto in posizione sopraelevata rispetto al piano di lavoro in modo da consentire al tessuto di aderire bene alla superficie
· Carteggiare l’intera superficie con carta abrasiva (P 40 – P 240) e terminato, pulire bene la superficie stessa in modo da permettere un miglior ancoraggio della resina

Fase 2. Sagomare il tessuto
· Sagomare il tessuto con un’abbondanza di 4-6 cm rispetto alle dimensioni del pezzo da rivestire utilizzando del nastro adesivo di carta per definire il contorno
· Ritagliare il tessuto con forbice idonea seguendo la zona centrale del nastro adesivo. Quest’ultimo impedirà al tessuto di sfilacciarsi, lasciando integra la trama

Fase 3. Utilizzo della resina come aggrappante
· Preparare una piccola quantità di miscela (non meno di 50-100 gr totali di prodotto) da utilizzare come aggrappante
· Stendere omogeneamente un velo di resina epossidica catalizzata sull’intera superficie da trattare utilizzando il pennello in dotazione
· Lasciare asciugare la miscela fino a diventare leggermente appiccicosa (dai 20 ai 50 minuti a seconda della temperatura). Questo favorirà l’incollaggio del tessuto sulla superficie

Fase 4. Posizionamento del tessuto
· Stendere il tessuto sul pezzo a partire dal centro verso l’esterno e farlo aderire uniformemente su tutta la superficie facendo attenzione ad angoli, rientranze e sollevamenti del tessuto stesso
· Attendere circa 60 minuti

Fase 5. Impregnazione delle fibre
· Miscelare un nuovo quantitativo di resina sufficiente a trattare il tessuto
· Impregnare il tessuto utilizzando il pennello in dotazione imbevuto di resina
· Distribuire la resina mantenendo il pennello perpendicolare al tessuto e compiere leggeri movimenti verticali in modo tale da rendere le fibre completamente schiacciate sulla superficie (in questo modo usciranno anche eventuali bolle d’aria intrappolate tra il pezzo e il tessuto)
· Lo strato di resina dovrà essere abbondante al fine di avere un buon spessore da carteggiare in seguito all’indurimento

Fase 6. Indurimento della resina
· In condizioni ambientali idonee (temperatura 20 – 25 °C; umidità relativa < 70 %), la miscela indurisce in un tempo compreso tra le 6 – 10 ore

Fase 7. Prima finitura
· Tagliare il tessuto seguendo il perimetro della superficie rivestita
· Carteggiare la superficie con carta abrasiva P 240 prestando attenzione allo spessore da eliminare, al fine di non rovinare le fibre sottostanti

Fase 8. Resinatura della superficie
· Stendere omogeneamente uno strato abbondante di resina sull’intera superficie da trattare e attendere le tempistiche di indurimento come descritto in Fase. 6

Fase 9. Seconda finitura
· Carteggiare inizialmente con carta abrasiva aggressiva per rimuovere le discontinuità più evidenti dello strato di resina create dalle fibre sottostanti
· Utilizzare successivamente carte abrasive via via sempre meno aggressive fino arrivare ad utilizzare una carta P 1000 ad acqua in modo da eliminare i graffi lasciati dalle grane precedenti

Fase 10. Verniciatura
· Utilizzare una vernice bi-componente (o spray mono-componente in alternativa) per ottenere una finitura lucida del pezzo

LAMINAZIONE

La laminazione manuale è una tecnica base in cui il laminato viene progressivamente composto attraverso il posizionamento in sequenza di tutti gli strati di tessuto che ne caratterizzano il lay-up finale.

Fase 1. Preparazione stampo
· Se la superficie interna dello stampo non appare sufficientemente regolare, rifinirla con un processo di carteggiatura che coinvolge carta abrasiva a partire da grana media (P 800) fino ad arrivare a grana sottile (P 1000)
· Pulire attentamente lo stampo da eventuali tracce di sporco e rimanenze di precedenti lavorazioni
· Applicare del nastro adesivo di carta lungo il perimetro dello stampo in modo da lasciare la superficie esterna pulita e inattaccabile dal distaccante (non incluso nella confezione)
· Applicare omogeneamente il distaccante sulla superficie interna dello stampo secondo le modalità consigliate dalla ditta produttrice e attenderne la completa asciugatura

Fase 2. Sagomare il tessuto
· Sagomare il tessuto con un’abbondanza di 1-2 cm rispetto alle dimensioni dello stampo da laminare utilizzando del nastro adesivo di carta per definire il contorni
· Ritagliare il tessuto con forbice idonea seguendo la zona centrale del nastro adesivo. Quest’ultimo impedirà al tessuto di sfilacciarsi, lasciando integra la trama

Fase 3. Utilizzo della resina come aggrappante
· Preparare una piccola quantità di miscela (non meno di 50-100 g totali di prodotto) da utilizzare come aggrappante
· Stendere omogeneamente un velo di resina epossidica catalizzata sull’intera superficie dello stampo utilizzando il pennello in dotazione
· Lasciare asciugare la miscela fino a diventare leggermente appiccicosa (dai 20 ai 50 minuti a seconda della temperatura). Questo favorirà l’incollaggio del tessuto sulla superficie

Fase 4. Posizionamento del tessuto
· Stendere il tessuto all’interno dello stampo e farlo aderire uniformemente su tutta la superficie facendo
attenzione ad angoli, rientranze e sollevamenti del tessuto stesso

Fase 5. Impregnazione delle fibre
· Miscelare un nuovo quantitativo di resina sufficiente a trattare il tessuto
· Impregnare il tessuto utilizzando il pennello in dotazione imbevuto di resina
· Distribuire la resina mantenendo il pennello perpendicolare al tessuto e compiere leggeri movimenti verticali in modo tale da rendere le fibre completamente schiacciate sulla superficie (in questo modo usciranno anche eventuali bolle d’aria intrappolate tra il pezzo e il tessuto)
· Aggiungere strati di tessuto fino al numero di strati desiderato seguendo i passaggi precedentemente indicati assicurandone l’adesione anche nei punti critici

Fase 6. Indurimento della resina
· In condizioni ambientali idonee (temperatura 20 – 25 °C; umidità relativa < 70 %), la miscela indurisce in un tempo compreso tra le 6 – 10 ore

Fase 7. Separazione del tessuto dallo stampo
· Separare il manufatto dallo stampo partendo dai lati e facendo forza verso l’interno affinchè si separino prima le pareti e poi la parte centrale

Fase 8. Rifinitura
· Tagliare il tessuto in eccesso seguendo il perimetro del manufatto
· Carteggiare i bordi per eliminare eventuali residui di taglio
· Carteggiare la superficie con una carta abrasiva poco aggressiva per eliminare eventuali imperfezioni,ma facendo attenzione a non intaccare le fibre del tessuto

Fase 9. Verniciatura
· Utilizzare una vernice bi-componente CR15 (o spray mono-componente KZ100 in alternativa) per ottenere una finitura lucida del pezzo.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Kit Riparazione Carbonio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *